Monza si prepara ad accogliere per la prima volta la Sagra della Valtellina, con prodotti tipici e sapori della tradizione

L’arte culinaria può fungere da passaporto per emozionanti viaggi attraverso i tesori gastronomici dell’Italia. Mani sapienti, pentoloni fumanti e ricette di una volta trasformeranno per due weekend la Brianza in una località montana, dove poter gustare pizzoccheri, sciatt, prodotti D.O.P., D.O.C.G. o D.O.C. e piatti originari della Valtellina e della Valchiavenna. L’occasione è quella della “Sagra della Valtellina”, evento culinario itinerante che dopo aver riscosso successo in altre province della Lombardia, fa ora la sua comparsa a Monza, in via Rosmini 11 (Fuoricampo), dove verrà allestito uno stand (coperto e riscaldato in caso di maltempo) con oltre 1000 posti a sedere, a cui si aggiungeranno tavole e panche all’aperto disposte nell’area verde.
L’organizzazione del grande evento è affidata ad Alessandro Fico e alla sua squadra rodata, specializzati nel creare momenti di aggregazione attraverso esperienze gastronomiche. «Esportiamo il nostro format a Monza allo scopo di presentare le eccellenze di una terra generosa e promuoverne l’identità culturale – dichiara Alessandro Fico -. La Sagra della Valtellina però è molto di più: come le vecchie feste paesane si prefigge di dar vita a occasioni conviviali in cui la comunità si riunisce all’insegna della spensieratezza, trascorrendo il tempo a tavola, tra un bicchiere e un buon pasto condiviso». Per i più piccoli saranno installate anche alcune giostre, così da soddisfare le loro esigenze ludiche, e attivato un fantastico servizio con tour in carrozza trainata da cavallo.
Tra le specialità del menù, preparate con ingredienti locali e genuini sapientemente abbinati dalla brigata della cucina, ci sono i famosi pizzoccheri (pasta fresca, a base di farina di grano saraceno, condita con una deliziosa salsa di burro, formaggio, verza e patate), gli sciatt (palline di impasto di grano saraceno e formaggio fritti), antipasti prelibati come la slinzega di cervo marinata, gli involtini o il carpaccio di bresaola, e secondi di carne come il cervo in salmì accompagnato con il purè o lo stufato di manzo. E poi ancora: salumi nostrani e formaggi tipici, vini rinomati, dolci (torta fioretto, bisciola e torta di noci engadinese).
La Sagra della Valtellina è un evento ad ingresso gratuito, che inizia il venerdì sera e continua il sabato e la domenica sia a pranzo che a cena (dalle 12:00 alle 15:00 e dalle 19:00 alle 24:00) presso lo spazio in via Rosmini 11 a Monza. Oltre allo stand coperto, che può ospitare oltre mille persone, saranno allestite delle postazioni nell’area verde per gli amanti dell’aria aperta.
È sempre consigliata la prenotazione tramite il sito web sagradellavaltellina.it o su Whatsapp al numero: 389.026555. Inoltre, sarà disponibile il servizio d’asporto per coloro che desiderano gustare le specialità valtellinesi comodamente a casa propria.