Le novità di Maredamare 2024

Dal 20 al 22 luglio prossimi, Maredamare richiama a Firenze tutto il mondo
del beachwear e del resortwear. In Fortezza da Basso oltre duecentocinquanta
collezioni, dai global brands fino ai marchi di ricerca, a confermare l’assetto
internazionale del salone che, al diciassettesimo anniversario, si pone oggi come
riferimento assoluto nella moda mare europea e non solo.
“Il nostro ambizioso piano di sviluppo, avviato già dalla scorsa edizione – sottolinea
Raffaella Petrossi, General Manager di Underbeach, la società che organizza il
salone – ci porta dritti fino alla prossima edizione di Maredamare e verso gli obiettivi
che ci siamo prefissati nel fornire ai nostri visitatori la più grande panoramica
internazionale del comparto generando consensi tra i nostri espositori e grande
curiosità tra chi ancora ci conosce solo di nome. A tal proposito sono oltre
cinquanta le new entry confermate per luglio (circa il 30% della forza espositiva) e
questo ci indica nettamente quale sia la percezione del nostro format all’esterno.
Tra queste, importanti gruppi internazionali specialisti del settore unitamente ai
graditi ritorni di alcune griffe italiane che da anni non vedevamo.”
“Con un’esperienza ormai quasi ventennale nel raccontare e declinare l’universo
del beachwear e del resortwear – evidenzia Alessandro Legnaioli, Presidente
di Underbeach – Maredamare si distingue per la completezza della sua offerta,
creando un ambiente ideale per esplorare a fondo il meglio del settore anche
in una sola giornata. Puntiamo a offrire ai nostri visitatori un’esperienza unica
e completa, ottimizzando il loro tempo e garantendo la più ampia panoramica
possibile anche fornendo indicazioni sulle tendenze a cui dedichiamo grandi
risorse. Sebbene il cuore pulsante di Maredamare sia il beachwear, comprendiamo
l’importanza di soddisfare le esigenze dei nostri visitatori, offrendo anche
proposte di intimo e lingerie. La nostra filosofia si basa sulla ricerca continua di
partnership strategiche, e quest’anno siamo lieti di annunciare una serie di aree
tematiche e workshop progettati per fornire ai visitatori spunti concreti per gli
acquisti e la formazione professionale. Con uno sguardo già al 2025, prosegue la
partnership con Packaging Première iniziata lo scorso febbraio: allo studio nuove
forme di comunicazione per fornire nella prossima edizione a marchi e buyers
una panoramica sulle più importanti aziende di packaging.”
Le aree tematiche presenti in fiera:
Milano Fashion&Jewels presenterà in fiera una selezione di accessori nel mondo
beachwear e Resort: total look di tendenza ed esclusivi per la vacanza.
Protagonisti saranno le creazioni dei designer della community di Milano
Fashion&Jewels con proposte di colori che vanno da palette cromatiche accese e
audaci alle tinte naturali.
WeLoveModainItaly Cruise & Resort è il nome dell’area con cui CNA Federmoda
sarà presente con un una selezione di artigiani che mostreranno le loro creazioni
nel mondo del beachwear.
Presente in fiera anche Italian Lingerie Export (ILE) che attraverso le collezioni
dei suoi associati promuove il savoir-faire tipicamente italiano.
MarediModa racconterà il percorso delle principali aziende europee di tessuti
verso l’eccellenza mondiale.
In tema di contenuti di qualità, Nello Marelli, uno dei maggiori esperti del settore
(Vicepresidente di IACC Italy e noto “Progettista del colore”), presenterà le tendenze
estetiche Maredamare di forme e colori per l’estate 2025. In fiera un’area tendenze
interattiva, grazie alla collaborazione con Style-3d che, con l’utilizzo del supporto
MixMatch, porterà per mano i visitatori in un viaggio interattivo alla scoperta di
segni e simboli dell’estate 2025. Un concentrato di informazioni proposto in un
linguaggio contemporaneo e avvolgente.
Massimiliano Alvisi, ideatore di Shop Survivor, offrirà un momento coinvolgente
di riflessione su aspetti chiave della gestione e della vendita nel contesto moderno
dei negozi, con uno stile dinamico e sparkling.
Maredamare 2024 si propone quindi come punto di riferimento imprescindibile
per chi opera nel settore del beachwear e del resortwear, offrendo un’esperienza
unica, preziosa e soprattutto “formativa”. Non solo, una visione responsabile e
matura che ha portato la fiera, per prima, a ottenere la certificazione ISO 20121
che garantisce un approccio virtuoso in ogni ambito dell’organizzazione fieristica
perché le fiere, che sono macchine complesse, devono trovare un equilibrio reale
al di fuori del marketing.
Sul versante dello show, sono confermate le sfilate collettive e personali e gli eventi
serali targati Fuordacqua che in queste settimane stanno prendendo forma.